giovedì 13 gennaio 2011

Finalmente riesco a scrivere per aggiornarvi......

Scusate tanto il silenzio di questo lungo periodo, ma il rientro è stato un pò caotico, tra le feste di Natale, le visite ricevute,a capodanno abbiamo avuto ospite per una settimana mio fratello con la famiglia e il riorganizzarsi alla nuova vita in tre, insomma non ho avuto modo di collegarmi in nessun modo.
Questa mattina ne sto approfittando perchè lui sta dormendo in questo momento, altrimenti è impossibile stare al computer con lui sveglio.
Che dirvi, la vita con lui è cambiata tantissimo, tra orari e ritmi diversi, ora tutto ruota a secondo delle sue esigenze, ma comunque il rientro a casa è stato bellissimo, Matteo è stato più bravo di quello che ci aspettavamo. Il viaggio in aereo è stato un pò pesante, Matteo non riusciva a riposare bene e quindi voleva passeggiato, questo nelle 12 ore da Bangkok a Roma, poi da Roma a Brindisi era sorpreso a guardare la partenza degli aerei, se io ero distratta lui mi chiamava e mi indicava l'aereo. L'arrivo a Brindisi è stato emozionante, c'erano parenti e amici che ci attendevano, una sorpresa veramente grande.
Matteo era lì a guardare tutti, ma restava solo tra le braccia di mamma e papà.


Dopo la grande emozione per l'accoglienza e vedere soprattutto la sua reazione tranquilla senza piangere, ci siamo diretti verso casa, in macchina con noi son venuti i cuginetti e per tutta la strada a riso e giocato con loro e con i palloncini che abbiamo trovato in macchina.
Arrivati vicino casa c'erano tanti altri parenti e amici che ci aspettavano e altri ancora che arrivavano tutto il giorno, uno striscione di benvenuto, i palloncini fuori alla porta e la casa addobbata a festa con un Winny the Pooh fatto di palloncini, un fiore di palloncini con scritto Phala Matteo, e tanti palloncini che ancora girano per casa, che dirvi una grande emozione, non c'è l'aspettavamo un'accoglienza così. Grazie a tutti, grazie di vero cuore.



Matteo continuava a passare tra le braccia di tutti, sempre tranquillo e con lo sguardo sorpreso di tale accoglienza...... poi la grande sorpresa una torta di panna con su il suo amico Winny the Pooh.....


E' stato davvero una bella sorpresa ricevere un'accoglienza così calorosa e ricca di emozione da parte di tutti.
I giorni passano e Matteo ci sorprende sempre di più,ci riempie di sorrisi, di baci e di abbracci.
Ora vi devo lasciare il mio piccolo mi chiama, mi dispiace non raccontarvi altro, ma spero di riuscirci presto.
Ciao a presto, grazie ancora a tutti vicini e lontani che ci seguono.

mercoledì 15 dicembre 2010

Siamo di ritorno.........evviva!

Buongiorno, vi chiediamo scusa per questi ultimi giorni di silenzio, ma avevamo dei problemi con il pc, comunque le ultime novità sono che siamo di rientro, vi sto scrivendo dall'aeroporto di Roma.....non mi sembra vero!
Il viaggio più lungo è stato fatto, Matteo è stato un pò così così, ha cercato di dormire, ma le poltrone erano scomode, poi si vedeva in ambiente strano, quindi non ci capiva nulla, comunque tutto sommato c'è l'abbiamo fatta. Ora stiamo attendendo la coincidenza per Brindisi, Matteo gira per l'aeroporto con il papà.
Ciao a tutti, ci vediamo presto.
Che freddo che avete qui in Italia!!! Brrrrrrrr.

venerdì 10 dicembre 2010

La mia prima uscita allo zoo.....

Ieri mattina, dopo colazione, abbiamo deciso di andare allo zoo. Abbiamo preso un taxi, una mezz'oretta di strada, Matteo dopo un pò si è addormentato tra le braccia del papà, ma appena giunti a destinazione si è svegliato, pronto per guardare ciò che gli stava succedendo intorno.
Appena entrati abbiamo incontrato i pappagalli, erano grandi e colorati, lui che già gli uccellini si ferma a guardarli e inseguirli è rimasto a bocca aperta, continuava ad indicarmeli e faceva versi con la bocca.




Poi abbiamo incontrato dei cuccioli di tigri in gabbia e c'era un signore che ad un cucciolo che teneva in braccio gli dava il biberon del latte. Matteo era curioso e guardava, ma nessuna voglia di avvicinarsi alla gabbia per vederli meglio.


Dopo siamo andati a guardare uno show con gli elefanti. Qui finito lo spettacolo, siamo scesi e in braccio al suo papà ha accarezzato la proboscide dell'elefante, ma non più di una volta tanto che non sono riuscita a fargli la foto.


Più avanti abbiamo incontrato le foche, saltavano, battevano le mani e facevano la linguaccia. Matteo sembrava tanto incuriosito da non voler andare via, le guardava, aspettava che la persona responsabile gli buttasse il pesce per mangiare. Eravamo contentissimi nel vederlo così preso da questa gita.



Proseguendo abbiamo visto le scimmiette, l'orso polare, il pitone e papà e andato a vedere anche i coccodrilli, la mamma aveva troppa paura. Nel frattempo Matteo affamato come sempre si mangiava la pera.





Si era fatta già ora di pranzo, ma doveva iniziare lo spettacolo dei delfini, così dopo aver preso posto Matteo ha mangiato la sua pappa e dopo ha guardato lo show. Dopo abbiamo deciso di rientrare e preso un taxi siamo tornati in albergo. Matteo nel taxi si è addormentato, sembra che viaggiare in auto gli fa venire sonno, arrivati in hotel si è svegliato ma dopo un pò e dopo bevuto il suo biberon di latte si è riaddormentato. Ieri sera a cena è stato tranquillo, rideva, giocava, ha mangiato tanto come al solito, dopo siamo andati a farci una lunga passeggiata e lui sempre sveglio a guardare e curiosare ciò che era intorno. Ogni tanto aveva nostalgia di venire in braccio ,ma bastavano cinque minuti e poi ritornava nel suo passeggino. Ogni volta che sentiva della musica si metteva a ballare e a battere le mani.
Al rientro bagnetto, biberon di latte e nanna fino a stamattina alle 8.00.
Ciao a tutti e buonagiornata a voi, qui sono già le 9.00.

martedì 7 dicembre 2010

Stamattina ci siamo trasferiti a Bangkok

Finalmente questa mattina abbiamo preso l'aereo per trasferirci a Bangkok. La sveglia è suonata presto, alle 4.00, mamma mi ha vestito mentre io dormivo, ma dopo mi sono svegliato e ho salutato la mia Cambogia. Strada facendo mi domandavo dove stavamo andando, mamma mi spiegava che dovevamo prendere l'aereo per andare in Thailandia, qui dobbiamo sbrigare dei documenti  per poi poter rientrare in Italia.
Il breve viaggio in aereo non è stato male, mi sono comportato bene, le hostess hanno passato la colazione, io ho mangiato oltre ai miei biscotti anche un mini croissant e un pò di yogurt, poi ho bevuto il mio latte e mi sono addormentato. Mi sono svegliato all'atterraggio. In aeroporto abbiamo ritirato le valigie, papà mi ha messo sul carrello e io mi divertivo come un matto. Abbiamo preso un taxi e siamo andati in albergo io e mamma, mentre papà sbrigava i documenti.
Nella camera ho aiutato la mamma a disfare le valigie, mentre giocavo con i miei giocattoli, ho abbracciato forte forte il mio Winny quaindo mamma l'ha tirato fuori dalla valigia, ero contentissimo.
Siamo andati a mangiare e dopo mentre mamma e papà mi compravano della frutta, l'acqua e i pannolini mi sono addormentato, ero molto stanco. In camera ho fatto i capricci, come al solito, ma poi mi sono addormentato e ho dormito per due ore, adesso dopo che mi sono bevuto il mio biberon di latte e mangiato un pò di mela sto giocando.



Dalla finestra mi piace guardare le luci di Natale. Qui si che si respira l'aria di Natale. Non stiamo vedendo l'ora di tornare a casa, la nostra casa.


Vi salutiamo a tutti con un abbraccio forte forte.....aspettateci che stiamo per arrivare.
La famiglia D'Ambrosio.

sabato 4 dicembre 2010

Finalmente la febbre è passata




Ieri e oggi sto meglio, la febbre è passata e si gioca con mamma e papà, inizio anche a mangiare di più. Oggi la dottoressa ha detto di continuare ancora due giorni con l'antibiotico.
Guardatemi quanto sono bello con il cappellino...............
Ci dà una gioia immensa averlo con noi, oramai tutto gira intorno a lui. Alcuni momenti non ci sembra vero tutto  quello che sta succedendo, lo speri da una vita, lo immagini ogni giorno di averlo con te, poi tutto accade, tutto diventa realtà e allora cerchi di catturare ogni suo sguardo, ogni suo sorriso, ogni piccola sua novità, e il tuo cuore ti si riempie di gioia, lo baci, lo abbracci, te lo coccoli cerchi di goderti ogni momento.
Diventare genitori è la cosa più bella che esiste. Amare è tutto.
Ringraziamo ogni giorno il Signore di questo dono.

giovedì 2 dicembre 2010



Scusate, ma Matteo aveva bisogno di me e quindi ve le pubblico adesso le foto.
Noi tutto a posto un pò stanchi in questi giorni per via dei suoi capricci, speriamo che siano dovuti al fatto che ci ha la febbre se nò siamo fregati, non siamo abituati a questi ritmi.
Siamo comunque contentissimi di averlo con noi, ci regala tante gioie, oltre alle notti insonne vuole solo la mamma per dormire e guai a dire vai da papà, quindi che dirvi ciò le braccia che mi fanno male e la schiena a pezzi, riesco a recuperare un pò solo durante la giornata che lo affido tra le braccia del papà.
Speriamo che passi presto questa febbre e guarisca la gola arrossata. Ora sta dormendo come un angioletto nel lettone, speriamo che riesca a riposare bene almeno lui......sembra che la febbre non stia salendo.... speriamo bene.
Ciao e grazie di vero cuore a tutti quanti, anche se stiamo tanto lontano con i vostri commenti ci sentiamo molto vicini. Un abbraccio forte forte a tutti e grazie del vostro sostegno. Vi vogliamo tanto bene
Maria Giovanna e Fernando Antonio


...ieri ancora febbre.

 Ieri avevo ancora la febbre, mamma e papà mi hanno riportato dalla dottoressa, ha detto di continuare ancora con le medicine che mi sta dando la mamma e che ho la gola arrossata. In questi giorni sono molto capriccioso, ho sempre voglia di uscire e faccio un sonno molto agitato, che oltre a non far dormire mamma e papà, non faccio dormire i vicini di camera e tutto l'albergo.
Quando però mi gira bene e la febbre scende mi faccio quattro risate e gioco insieme a loro.

video


video

Questa mattina è venuto a trovarmi il mio amichetto Alessio, con lui abbiamo giocato insieme,ma poi ero stanco e ho deciso di farmi un pisolino. Quando mi sono svegliato papà e la mamma ci hanno portato un po' giu nel cortile dell'albergo per sgranchirci un pò le gambe.